CILENTO NEWS InstaCilento, la settimana in 10 scatti Ecco le immagini di questa settimana

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Il quotidiano raccontato da voi, grazie alle foto pubblicate su Instagram. Ecco i migliori scatti riguardanti il Cilento, il Vallo di Diano e gli Alburni pubblicati sul social network. Per far sì che anche le tue immagini vengano pubblicate su InfoCilento.it basta taggare il profilo @infocilento nelle foto che pubblicherai on line.

INFO CILENTO

SEZ. POLITICA Conte: “Non cerchiamo nuove maggioranze” Quirinale:stupore per articoli su incontro con Conte

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995“La Presidenza del Consiglio smentisce tutte le ricostruzioni, apparse questa mattina sui giornali, relative alle presunte intenzioni del Presidente Giuseppe Conte. Si chiarisce che il Presidente non è alla ricerca di altre maggioranze diverse da quella che attualmente sostengono il governo. Conte è impegnato con i tavoli di lavoro per l’agenda di governo 2023, tavoli a cui partecipano tutte le forze di maggioranza, IV inclusa. L’unico pensiero del Presidente è rilanciare l’azione di governo per far partire le tante riforme che il Paese aspetta”. Lo si legge in una nota “In particolare alcuni virgoletti, affermazioni e frasi che ieri sarebbero state scambiate, al Quirinale, nel corso del colloquio avvenuto tra il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente del Consiglio Conte sono esercizio di fantasia e le connesse ricostruzioni risultano arbitrarie”, si legge ancora nella nota della Presidenza del Consiglio. Il Quirinale esprime “stupore per le ricostruzioni apparse in qualche quotidiano, in cui, anche con virgolettati, si attribuiscono abusivamente intenzioni al Capo dello Stato riguardo alla situazione politica”. Prossimi giorni ad alta tensione, le ‘prove’ in vista Torna a parlare il leader dell’Iv, Matteo Renzi, protagonista della battaglia che lo vede contrapposto al Guardasigilli sulla prescrizione: ‘Sono giorni pieni di inutili polemiche’ e cita Confucio: ‘la pazienza e’ potenza. Ci vuole pazienza per sopportare le fake news di questi giorni’. Di Maio conferma la ‘massima fiducia a Conte’. “Oggi è chiaro a tutti, tranne ai fanatici, che la condotta di Renzi pone problemi acutissimi al campo democratico e al governo Conte”. Così su Fb Goffredo Bettini, ex eurodeputato Pd, molto vicino a Nicola Zingaretti. “Quanta pazienza si può avere ancora con il fiorentino? Difficile dirlo. I margini, comunque, sono molto risicati. Ecco perché consiglio, in attesa di scelte più sagge di Italia Viva, di preparare al più presto scenari alternativi. Dopo Conte non c’è per il Pd un altro governo. Se Renzi vuole farlo, lo deve fare con Salvini e la Meloni”. “C’è invece la possibilità, certamente allo stato attuale tutta da costruire, di sostituire Italia Viva con parlamentari democratici (in quanto non sovranisti, illiberali e autoritari) pronti a collaborare con Conte fino alla fine della legislatura. Penso anche che, in questo scenario, nel Parlamento si aprirebbe una riflessione perfino nel gruppo renziano – conclude Bettini -. Si deve lavorare subito, dunque, per allargare la maggioranza che sostiene il premier rendendo scarica la minaccia della crisi”.

ANSA

SEZ. ECONOMIA Borsa: Europa prosegue positiva In rialzo comparto dell’auto, stabile l’euro sul dollaro

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995MILANO,  Le Borse europee proseguono in terreno positivo con la decisione della banca centrale cinese di immettere liquidità sui mercati per 100 miliardi di yuan per far fronte ai danni provocati dal coronavirus. I listini del Vecchio continente, orfani di Wall Street chiusa per festività, si muovono in scia con i rialzi dei listini cinesi. Stabile l’euro sul dollaro a 1,0840 a Londra. Avanzano Londra (+0,2%) e Francoforte (+0,1%). Piatte Parigi (+0,04%) e Madrid (+0,03%). In Europa si mette in mostra il comparto dell’auto (+1,5%) con Daimler e Volkswagen (+1,6%), Peugeot (+1,5%) mentre è in rosso Renault (-1,3%). Bene anche il comparto energetico (+0,4%) e le banche (+0,3%). Tra gli istituti di credito si mettono in mostra Barclays (+1,5%), Credit Agricole (+1%) e Bnp Paribas (+0,5%). In calo il comparto farmaceutico (-0,2%) e l’hi-tech (-0,1%)

ANSA

SEZ. VARIE NEWS Oggi Festa Nazionale del gatto , ecco perché il 17 febbraio

Oggi Festa Nazionale del gatto , ecco perché il 17 febbraio La Festa Nazionale del Gatto ricorre il 17 febbraio ed è nata nel 1990. La giornalista gattofila Claudia Angeletti propose un referendum tra i lettori della rivista “Tuttogatto” per stabilire il giorno da dedicare a questi affascinanti animali spesso bistrattati. La proposta vincitrice fu quella della signora Oriella Del Col che così motivò la sua idea nel proporre questa data che racchiude molteplici significati: febbraio è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, ossia degli spiriti liberi ed anticonformisti come quelli dei gatti che non amano sentirsi oppressi da troppe regole” e il numero 17, nella nostra tradizione è sempre stato ritenuto un numero portatore di sventura e morte stessa fama che, in tempi passati, è stata riservata al gatto , Non così per il gatto che, per leggenda, può affermare di essere vissuto vantando la possibilità di altre vite. il 17 diventa quindi “1 vita per 7 volte”! Buona festa del gatto!!

MICHELE CINQUE POSITANONEWS

COSTIERA AMALFITANA NEWS Furore: masso si stacca da parete rocciosa, ciclista evitata per miracolo

Poteva finire male questa mattina per una ciclista che sulla Statale Amalfitana ha rischiato di essere investita da un masso staccatosi dalla parete rocciosa.

La donna stava percorrendo la strada nel comune di Furore, nei pressi del fiordo, quando all’improvviso ha dovuto frenare per evitare di essere colpita dal masso (nella foto di Lira Tv) ancora roteante, appena precipitato.

Solo per un attimo è stato evitato l’impatto che avrebbe potuto avere conseguenze molto gravi.
FONTE IL VESCOVADO DI RAVELLO https://www.ilvescovado.it/it/sezioni-25/cronaca-1/furore-masso-si-stacca-da-parete-rocciosa-ciclis-84914/article

PENISOLA SORRENTINA E VICO EQUENSE NEWS A Sorrento presentazione del Premio Sirena d’Oro 2020


81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995SORRENTO. Venerdì 21 febbraio, alle ore 12, presso il Palazzo Municipale di Sorrento, in piazza Sant’Antonino 1, si terrà la conferenza stampa di presentazione della 18ma edizione del Premio Sirena d’Oro, dedicato agli oli extravergini di oliva Dop, Igt e Bio, promosso dal Comune di Sorrento, in collaborazione con Coldiretti Campania, con il patrocinio di Unioncamere Campania, in collaborazione con Associazione Oleum, Gal Terra Protetta, Associazione Aprol Campania, Unaprol e Associazione Nazionale Donne dell’Olio. All’incontro con i giornalisti prenderanno parte il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’assessore all’Agricoltura, Lorenzo Fiorentino, il direttore di Coldiretti Campania, Salvatore Loffreda ed il presidente del comitato tecnico del Sirena d’Oro, Tullio Esposito. Al termine della conferenza stampa è prevista una degustazione, con oli extravergini di oliva e prodotti tipici del territorio.

SORRENTO PRESS

POSITANO E PRAIANO NEWS Positano. Rifacimento manto stradale Via Pasitea, oggi i disagi per l’asfalto

Autolinee interne La città di Positano da alcune settimane è interessata dai lavori di rifacimento del manto stradale. Dopo le prime operazioni di fresatura, a partire da oggi sarà gettato l’asfalto in Via Pasitea dove vigerà il doppio senso di circolazione fino al 21 febbraio. La Mobility Amalfi Coast, ricordiamo, lo scorso 14 febbraio ha avvisato la gentile utenza che, in osserva dell’ordinanza comunale nr. 4 del 14/02/2020 di chiusura del tratto di Via Pasitea per il rifacimento del manto stradale, a partire da oggi 17/02/2020, i percorsi delle autolinee subiranno le seguenti variazioni:

– Interno Positano: Partenza dal Terminal Prisco, Inversione nei pressi del Bivio di Montepertuso, Arrivo al Terminal Prisco Via Sponda

– Montepertuso-Nocelle: Partenza dal Terminal Prisco, Inversione al capolinea di Nocelle, Arrivo al Terminal Prisco Via Sponda

– Positano-Praiano-Positano: Partenza dal Terminal Prisco, Al ritorno da Praiano proseguirà fino al bivio di Montepertuso dove effettuerà l’inversione, Arrivo al Terminal Prisco Via Sponda Salvo eventuali imprevisti resteranno invariati tutti gli orari di partenza attualmente in vigore.

FONTE POSITANONEWS

CIOCIARIA NEWS Negozio di ortofrutta distrutto dalle fiamme: indagini sulla natura del rogo

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Anagni – L’incendio si è verificato intorno alle sei di questa mattina. L’attività è gestita da egiziani. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri: nessuna pista è esclusa In fiamme, intorno alle 6 di questa mattina, un negozio di ortofrutta a Finocchieto – Osteria della Fontana. Il negozio, gestito da cittadini extracomunitari, egiziani per l’esattezza, è stato pressoché distrutto dal rogo e si trova a pochi metri dal Conand che tempo fa fu colpito da un’esplosione di gas, vicino alle scuole ed a banche e negozi. Sul posto Carabinieri e Vigili del Fuoco. Indagini incorso sono in corso scoprire l’origine dell’incendio, al momento non si esclude alcuna pista, dal corto circuito all’atto doloso.

CIOCIARIA OGGI

PELLEZZANO E FRAZIONI NEWS Liquidi tossici sversati tra Salerno e Pellezzano: blitz delle forze dell’ordine e dei sindaci

imgINSERITO DA MIKI PAPPACODA SALERNO/PELLEZZANO. Blitz all’alba delle forze dell’ordine e dei sindaci di Salerno e Pellezzano, Vincenzo Napoli e Francesco Morra, che insieme agli agenti di Polizia Municipale dei rispettivi comuni ed ai Carabinieri hanno proceduto ad un controllo nell’area dell’ex Cotoniere, dove sono stati segnalati sversamenti di liquami tossici ed aria irrespirabile.

Abbiamo chiesto immediatamente l’intervento dell’Arpac e del magistrato di turno per le verifiche de caso – ha spiegato il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli-. Nel corso della notte, sono state disposte delle coperture per una pozza di materiale indistinto fetido, al fine di non aggravare la situazione. Siamo qui nuovamente stamattina: da una indagine macroscopica, il fetore non c’è più, sembra che le cose siano sotto controllo. Attendiamo il parere dell’autorità giudiziaria, dell’Arpac e dei vigili del fuoco. Siamo di fatto nel comune di Pellezzano, ma un’eventuale emergenza ambientale interesserebbe anche Salerno se i liquidi fossero stati sversati nel fiume Irno, cosa, quest’ultima, che, almeno dai primi sopralluoghi, sembrerebbe scongiurata“, ha concluso Napoli.

La situazione di notte, con il buio, non era certo semplice da gestire. – incalza l’assessore comunale all’Ambiente di Salerno, Angelo Caramanno che nella notte si è recato sul posto insieme ai sindaci – A prescindere da quello che è avvenuto, serve mantenere alta la guardia. Parliamo di una situazione che ovviamente non poteva essere conosciuta dalle rispettive amministrazioni. Da quello che abbiamo appreso stanotte, sono due anni che è stato effettuato un affidamento per smaltire questo materiale, ma non abbiamo ancora altri dettagli in merito. Fino ad oggi non lo sapevamo: ora che ne siamo venuti a conoscenza, abbiamo acceso i riflettori su questa potenziale pericolosa situazione tra Salerno e Pellezzano“, ha concluso l’assessore. Non resta che attendere i risultati dell’Arpac: tensione tra i residenti della zona.

FONTE SEITV.IT

VALLE DELL’IRNO NEWS BARONISSI, UOMO TROVATO IMPICCATO IN VIA SAN FRANCESCO

baronissiNella tarda mattinata di sabato, 15 febbraio, una notizia ha sconvolto la comunità di Baronissi: un uomo è stato ritrovato impiccato in via San Francesco

Una drammatica notizia dalla Valle dell’Irno: un uomo a Baronissiin via San Francesco, si è tolto la vita, impiccandosi. Sul posto sono giunti gli operatori sanitari de La Solidarietà di Fisciano con un’ambulanza medicalizzata ma, purtroppo, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo.

la solidarietà fisciano, baronissi

L’uomo – un ottantaduenne – avrebbe deciso di compiere l’estremo gesto nel garage della propria abitazione.

L’esame del medico legale avrebbe accertato l’ora del decesso alle ore 10:00 circa. Sul posto sono giunti, oltre ai soccorsi, la Locale Compagnia dei Carabinieri.

ZEROTTANTANOVE

NEWS ITALIA E DAL MONDO L’Acquario di Roma affonda. Al fallimento l’impresa costruttrice. Codacons: «Lo stop sarebbe un suicidio turistico»


«L’Acquario dell’Eur mi sembra un’iniziativa non più aggiornata coi tempi, quindi ne parleremo con Eur Spa». Un annuncio quello dell’assessore alle Attività produttive di Roma Capitale, Carlo Cafarotti, che suona come una ‘pietra tombale’ per il progetto ‘Sea Life’. Il taglio del nastro dell’Acquario di Roma, realizzato al laghetto dell’Eur, avrebbe dovuto tenersi nel 2012, per poi slittare continuamente di anno in anno. Oggi, a ormai 8 anni da allora, sulla struttura pesa la scelta del Tribunale fallimentare che dovrà decidere se accettare o meno la richiesta di concordato presentata dal costruttore per la ristrutturazione del debito.  Ecco il nuovo Acquario di Roma, ma i pesci ancora non ci sono«Abbiamo letto le recenti dichiarazioni dell’assessore Carlo Cafarotti e siamo andati a verificare di persona lo stato dell’opera e le cause dei ritardi che ne hanno impedito l’apertura – spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – Siamo rimasti sbalorditi dall’imponenza di quanto è stato fatto senza spendere un solo euro di soldi pubblici, e riteniamo grave che un simile progetto che potrebbe portare milioni di visitatori nella capitale, con vantaggi per le casse comunali e per tutto l’indotto, sia ancora fermo». «Chiediamo pertanto un incontro all’assessore Cafarotti e alla società concessionaria che sta realizzando l’opera, per capire come accelerare i tempi e chiudere il progetto che è di evidente interesse pubblico – prosegue Rienzi – Rinunciare ad ospitare a Roma il più grande acquario d’Europa è un suicidio culturale, turistico ed economico, e siamo certi che anche l’attuale giunta capitolina sarà in prima fila per sostenere questo grande progetto ormai quasi finito che rappresenta anche un miracolo di ingegneria costruttiva, essendo interamente realizzato con soluzioni tecnologiche di avanguardia e uniche al mondo». «L’uscita infelice di Cafarotti ha seminato sconcerto tra i residenti e gli operatori commerciali della zona – afferma il consigliere del Pd capitolino, Giovanni Zannola – Ho predisposto pertanto un’interrogazione urgente all’assessore per conoscere le motivazioni che lo hanno indotto alle affermazioni e per sapere quali interventi sono stati messi in atto dal Campidoglio per accelerare i tempi di realizzazione del progetto e per aprire quanto prima i battenti del nuovo acquario di Roma».

LEGGO

VELASCA VIMERCATE NEWS Usmate, l’assessore Mario Ravasi lascia l’incarico

Il sindaco: “Abbiamo condiviso l’importante percorso di miglioramento del nostro territorio”.

Usmate, l’assessore Mario Ravasi lascia l’incaricoINSERITO DA MORENA MOTTA Usmate, Ravasi lascia la Giunta

Il dado è tratto e ora c’è anche l’ufficialità. L’assessore Mario Ravasi ha deciso di lasciare l’incarico. E ora spetta al sindaco Lisa Mandelli il compito di ridistribuire le deleghe. Il primo cittadino di Usmate Velate, però, ha già fatto sapere che “lavorerà per ridefinire la sua Giunta e per ridistribuire le deleghe nell’ottica di garantire piena continuità di lavoro a favore della comunità”. Per il momento, tuttavia, come stabilito dallo statuto comunale, tutte le competenze delegate all’assessore dimissionario (Gestione del territorio e ai Sistemi informatici con deleghe a Lavori pubblici, Verde pubblico, Patrimonio, Cimiteri ed Efficientamento energetico) ritornano nelle mani del sindaco Mandelli. Oltre a lasciare la Giunta, Ravasi, si è dimesso anche dal ruolo di Consigliere comunale di Usmate Velate.

Il commento del primo cittadino

«Desidero innanzitutto ringraziare Mario per la preziosa collaborazione, per la serierà dimostrata e per il lavoro svolto in questi mesi al mio fianco al servizio della città – ha commentato il sindaco Lisa Mandelli – Insieme, in questi primi mesi di mandato amministrativo, abbiamo condiviso l’importante percorso di miglioramento del nostro territorio, inaugurando proprio nelle scorse settimane alcune opere importanti che hanno riguardato i nostri istituti scolastici”.

FONTE https://primamonza.it/

MONZA E BRIANZA NEWS Lieve malore a Desio per una 48enne

Lieve malore a Desio per una 48enne SIRENE DI NOTTEINSERITO DA MORENA MOTTA Lieve malore in strada a Desio per una 48enne. La donna è stata soccorsa dai volontari della croce verde lissonese e trasportata in ospedale a Desio.Malore a Desio

I volontari della croce verde lissonese sono intervenuti nella notte tra domenica e lunedì 17 febbraio, a Desio, in via Sicilia, per soccorrere una donna colpita da malore in strada. In base a quanto diffuso dall’Agenzia regionale emergenza urgenza i soccorsi sono scattati poco dopo l’una. Dopo aver raggiunto via Sicilia i volontari hanno prestato le prime cure alla 48enne, le cui condizioni, fortunatamente, sono apparse subito non preoccupanti. La donna è stata poi trasportata all’Ospedale di Desio per ulteriori accertamenti.

I soccorsi nella serata di ieri

Nella serata di ieri, domenica, segnaliamo anche un incidente stradale avvenuto a Monza, in via Baradello, intorno alle 23. Si tratterebbe di una caduta da moto in cui sono rimaste coinvolte due persone: una 41enne e un 43enne. Fortunatamente non hanno riportato gravi conseguenze.

Sempre nella serata di ieri, a Lissone in via Bernini, è stato soccorso un 50enne che avrebbe accusato un malore a seguito di una intossicazione da farmaci. Sul posto, intorno ella 22.15, sono accorsi i volontari della croce bianca di Besana e i Carabinieri della compagnia di Desio. Il 50enne è stato accompagnato in ospedale a Monza in codice verde.

FONTE https://primamonza.it/

NEWS ITALIA E DAL MONDO Coronavirus, stop dei presidi alle gite scolastiche: «Troppi rischi»


81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Il coronavirus ferma anche le gite scolastiche all’estero: non è il contagio a far paura, quanto piuttosto i possibili disagi che i giovani studenti potrebbero incontrare negli aeroporti internazionali. E in questi giorni, negli istituti di scuola secondaria, si sta decidendo se procedere con la conferma delle partenze o bloccare tutto. Le classi maggiormente interessate sono quelle di scuola superiore che, più di quanto accade alle medie, partono per voli internazionali. Le partenze in media si registrano tra la fine di marzo e l’inizio del mese di maggio, questo quindi è il momento dell’anno in cui si dà la conferma dei partecipanti e si paga il saldo dopo aver dato l’acconto. Quest’anno, inevitabilmente, le famiglie provano a frenare sulle conferme per capire come evolve l’allerta legata al diffondersi del coronavirus: i viaggi hanno un costo e, quindi, i genitori si stanno rivolgendo ai dirigenti scolastici per sapere come intendono comportarsi per evitare di pagare viaggi che poi potrebbero essere annullati. Un viaggio di istruzione all’estero, della durata di 5 o 7 giorni, costa dai 300 ai 500 euro a ragazzo. «Se pensiamo poi allo stage all’estero – spiega Agostino Miele, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi di Milano – in cui vengono coinvolti i ragazzi dei licei linguistici e degli istituti tecnici per il turismo i costi sono molto più alti: gli studenti partono per due o tre settimane e la spesa va dai mille ai 1300 euro. Non si tratta di allarmismi legati al contagio ma di rischi legati alle penali per i viaggi annullati. I dirigenti scolastici stanno monitorando la situazione giorno per giorno, per capire come muoversi». Per ora dal ministero della Salute non sono arrivate indicazioni sui viaggi di istruzione, ma potrebbero arrivare a breve: il commissario straordinario per l’emergenza da coronavirus, Angelo Borrelli, la scorsa settimana ha spiegato infatti che potrebbe arrivare l’indicazione per limitare le partenze per motivi di studio, con lo scopo di circoscrivere i rischi di contagio. Ma a spaventare le famiglie e i professori non è solo il contagio. La paura dei docenti riguarda infatti anche i possibili disagi e le complicazioni legate al rientro in aeroporto: se un ragazzo del gruppo dovesse avere la febbre alta, una semplice febbre, e venisse fermato per controlli medici, come si dovrebbe comportare l’intero gruppo? Il problema sarebbe ancora più esteso qualora si decidesse di estendere i controlli anche ai viaggiatori che transitano nelle maggiori stazioni ferroviarie. «Sarò chiara con i miei studenti – spiega Tiziana Sallusti, dirigente scolastico del liceo Mamiani di Roma – con un raffreddore non si parte. Non blocchiamo le gite ma non possiamo neanche rischiare che qualcuno abbia la febbre all’estero. Quindi chi sta male resta a casa. Per questo abbiamo attivato una assicurazione sui viaggi di istruzione che vada a coprire le spese di partenze annullate dai singoli studenti».

LEGGO

CARPI NEWS Rischio incendi boschivi: scatta lo stato di “attenzione”

INSERITO DA BARBARA PAPPACODA Pericolo incendi boschivi in Emilia-Romagna dal 14 febbraio e fino a giovedì 27 febbraio per la perdurante assenza di piogge e le temperature insolitamente miti di questo “strano” inverno. Le persistenti condizioni di tempo secco, con temperature nettamente superiori alla media del periodo, oltre ad alcuni focolai registrati nei giorni scorsi in alcune zone del territorio regionale, hanno infatti indotto l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile a deliberare l’attivazione della fase di “attenzione” per il rischio incendi nei boschi anche nella Bassa.

Il provvedimento è stato firmato dal direttore dell’Agenzia, Rita Nicolini, dopo una riunione operativa che si è svolta questa mattina a Bologna alla quale hanno partecipato i rappresentanti della Direzione regionale dei Vigili del fuoco, del Comando Regione Carabinieri Forestale e di Arpae Emilia-Romagna. Le condizioni del terreno e le temperature che, stando alle previsioni meteo, si manterranno sopra le medie stagionali anche nei prossimi giorni,  il tutto associato all’assenza di piogge e a locali raffiche di vento, favoriscono infatti l’innesco di focolai di incendio e la loro propagazione.

L’Agenzia regionale di protezione civile si raccomanda di gestire con la massima cautela gli abbruciamenti di stoppie, legname e altri residui vegetali durante i lavori agricoli e forestali.  Vanno considerate, inoltre, le eventuali ordinanze più restrittive emanate da singoli Comuni. Gli abbruciamenti non sono vietati, ma severamente disciplinati. Il regolamento forestale regionale all’articolo 58, infatti recita che  “l’abbruciamento controllato del materiale vegetale di risulta dei lavori forestali e agricoli (…) deve terminare entro le quarantotto ore successive al momento in cui viene dato l’avviso, il terreno su cui si effettua l’abbruciamento deve essere circoscritto e isolato con mezzi efficaci ad arrestare il propagarsi del fuoco, si deve procedere (…) in assenza di vento e in giornate particolarmente umide (…), raggruppando il materiale in piccoli cumuli”.

Soprattutto si raccomanda di non effettuare abbruciamenti quando il vento è forte e, se è proprio necessario, è vivamente consigliato di limitarsi alle prime ore del giorno. L’ Arma dei Carabinieri intensificherà i controlli.  La situazione sarà nuovamente valutata mercoledì 19 febbraio.

L’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ricorda che, in ogni caso, prima di procedere agli abbruciamenti, è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco. Per ulteriori informazioni  si può chiamare il numero verde  800841051.

SULPANARO.NET

CONCORDIA SULLA SECCHIA E MODENA NEWS Finale, chiuso Ponte Vecchio: commercianti in difficoltà

INSERITO DA BARBARA PAPPACODA Un’ordinanza urgente ha chiuso fatto chiudere Ponte Vecchio a Finale Emilia per ragioni di sicurezza e questo sta determinando alcuni disagi ai commercianti che hanno la loro attività nei primi comuni del Ferrarese a ridosso della Bassa modenese. Una delle voci che descrive la situazione è quella dei titolari del Time Out Cafè di Alberone, bar punto di ritrovo di tanti finalesi che pur mettendo al primo posto la sicurezza dichiarano alla stampa locale di sentirsi tagliati fuori. “Per arrivare qui con il ponte chiuso, bisogna percorrere 5 chilometri in più e in tanti giustamente vi rinunciano” hanno detto a Il Resto del Carlino in un’intrevista.

E anche dall’altra parte del ponte c’è chi si lamenta dei disagi, in particolare il titolare del negozio Dolciumi Ferioli: “Già la volta scorsa, il ponte venne chiuso nel periodo natalizio e adesso a ridosso di Pasqua e per noi che vendiamo dolci e dolciumi, dal Panettone alla Colomba e all’Uovo di Pasqua questo è un problema. Chi viene da San Felice, Massa e dal Modenese deve allungare il percorso, superare il nuovo ponte della tangenziale e arrivare fin qui”.

E poi ci sono i commenti della politica. Sinistra Civica per Finale Emilia da ragione ai commercianti, almeno per quanto riguarda l’opportunità di avvertire i propri clienti: “Gli esercenti che hanno attività sulla sponda ferarrese del fiume Panaro hanno ragione a lamentarsi. Perchè la sicurezza viene prima di tutto, ma da parte dell’Amministrazione era necessaria una informazione adeguata che consentisse a pizzeria, macelleria, bar e ristoranti della zona Crocetta di avvisare per tempo la propria clientela sulla chiusura del ponte e l’avvio dei lavori. Ma come diciamo da tempo, nell’assessorato ai lavori pubblici manca la programmazione delle opere pubbliche”.

SULPANARO.NET

PRIMO PIANO E ANTEPRIMA Genova, ammazza la moglie e si toglie la vita gettandosi dalle scale


81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Omicidio suicidio a Genova. Un uomo di 84 anni ha ucciso la moglie di 80 anni e si è tolto la vita lanciandosi nel cavedio del condominio. È accaduto a Molassana, in un edificio di via Piacenza. Secondo le prime informazioni, l’anziano avrebbe lasciato un biglietto con scritto «Soffro tanto. Ti amo ma non ce la faccio». Secondo quanto raccolto dagli investigatori, l’uomo soffriva da tempo di depressione. A notare il corpo dell’anziano sono stati alcuni abitanti dell’edificio. Sono stati loro a chiamare i carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari del nucleo radiomobile e della compagnia Centro e quelli del nucleo investigativo. La donna è stata trovata in cucina, il marito l’aveva colpita con un oggetto alla testa. Nelle scorse settimane, sempre a Genova, un altro anziano aveva ucciso la moglie e aveva tentato di uccidersi: è morto dopo dieci giorni in ospedale.

LEGGO

ISCHIA E PROCIDA NEWS Scandalo in Pineta. L’intervento di Legambiente Ischia e Gli alberi e noi – Isola Verde

Le associazioni Legambiente Ischia e Gli alberi e noi – Isola Verde, in merito al progetto relativo alla realizzazione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti, esprimono una serie di considerazioni riguardanti sia l’opportunità di tale progetto sia le modalità di realizzazione dello stesso. Prima di tutto, le associazioni si chiedono se il progetto abbia tutte le autorizzazioni urbanistiche e ambientali, andando ad apportare significative modifiche in un SIC (Sito di Interesse Comunitario) soggetto alla Direttiva Habitat e vincolato dal PTP.

Inoltre esprimiamo un forte dissenso nei confronti della scelta progettuale di prevedere una pista ciclabile (altrove benvenuta in un’ottica di mobilità sostenibile) in un ecosistema fragile e già provato da diverse infestazioni parassitarie che hanno portato a morte numerosi alberi. Gli interventi finora effettuati hanno già creato danni: infatti lo scavo per la realizzazione della pista ha portato alla rimozione di diverse piante e rocce che costituivano elementi importanti dell’ecosistema del SIC, alterando significativamente la morfologia dei luoghi. Alcuni alberi sono stati seriamente danneggiati esponendo le radici. Infine il materiale utilizzato per la realizzazione della pista, che ci era stato assicurato fosse ecologico, appare invece un misto di inerti di riciclo e terreno, sicuramente non consono al luogo.

Ci preoccupa inoltre la prosecuzione del percorso, che a quanto ci è dato sapere dovrebbe snodarsi in una zona ricca di vegetazione e con un’orografia articolata, ecologicamente e paesaggisticamente rilevante. L’amministrazione del Comune di Ischia, che in altre occasioni si è dimostrata attenta nei confronti della comunità riguardo ai valori ambientali, in questo caso sembra operare in maniera perlomeno avventata, ed è auspicabile che riconsideri il progetto, anche alla luce delle osservazioni qui proposte.

FONTE IL DISPARI

PRIMO PIANO E ANTEPRIMA Brutti voti a scuola, fratellini di 13 e 8 anni picchiati e frustati dai genitori


81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Due genitori sono denunciati a Pavia con l’accusa di lesioni nei confronti dei due figli che avrebbero ripetutamente picchiato per il loro cattivo rendimento a scuola. A darne notizia è oggi il quotidiano «La Provincia pavese». Si tratta di un uomo di 46 anni e della moglie, di 36, entrambi di origine straniera: secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti i due figli, un maschio di 13 e una femmina di 8 anni, dovevano spesso subire dure punizioni dei genitori per i brutti voti riportati a scuola e in alcuni casi sarebbero stati anche picchiati con il manico di una scopa o frustati con dei cavi. A raccontare i fatti ai suoi insegnanti è stato il primogenito, il ragazzino 13enne, che si è presentato a scuola con alcuni lividi e ha trovato il coraggio di parlarne. A patire le stesse punizioni sarebbe stata anche la sorellina. Ora i due minorenni sono in carico al Comune di Pavia e sono stati affidati a una comunità, in attesa che si chiarisca la vicenda. I genitori respingono le accuse, ammettendo di aver dato ai figli solo «qualche scappellotto» ma di non averli mai maltrattati.

LEGGO

CAPRI NEWS L’ipotesi: atterraggio degli elicotteri per il soccorso sanitario a Capri sui terreni di Campo di Pisco in via Don Giobbe Ruocco

Elisoccorso a Capri, ipotesi Campo di Pisco. I terreni di via Don Giobbe Ruocco, in un’area di proprietà della società TBS, potrebbero ospitare, anche solo in via provvisoria, una piazzola di atterraggio per gli elicotteri del soccorso sanitario. E’ stata la stessa società a manifestare ufficialmente la propria disponibilità. Le verifiche di fattibilità tecnica dovranno essere approfondite da parte degli enti di competenza.

E’ stato Costantino Federico a comunicare la notizia, attraverso la “fotonotizia” pubblicata sull’ultimo numero del settimanale 535-L’Informatore Popolare.

“La vicenda dell’eliporto – ha scritto Costantino – potrebbe trovare una soluzione provvisoria realizzando una elisuperficie sui terreni di Campo di Pisco, di proprietà della società TBS. La disponibilità della proprietà a realizzare l’opera renderebbe più facile e più agevole, ma soprattutto più veloce l’elisoccorso. Damecuta è infatti più lontana e spesso si verificano ritardi per congestionamento del traffico tra Capri – Anacapri e la strada della Grotta Azzurra ove si trova l’eliporto. E’ di questi giorni la notizia dell’affidamento deliberato dal Comune di Anacapri per l’illuminazione notturna. Il suo completamento renderebbe inutile l’individuazione di altre aree nel Comune di Capri. La disponibilità dell’area a Campo di Pisco potrebbe rappresentare una soluzione tampone e provvisoria o una possibilità di dotare anche Capri di una struttura per l’elisoccorso, che sarebbe inoltre più facilmente raggiungibile dall’ospedale Capilupi”.

CAPRINEWS https://caprinews.it/?p=14254

ALMANACCO DEL GIORNO ALMANACCO DEL 17.02.2020 A CURA DI MIKI PAPPACODA

almanacco-giorno

A CURA DI MIKI PAPPACODA 81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995Luned�, 17 Febbraio 2020

S. DONATO MARTIRE

Settimana n. 08
Giorni dall’inizio dell’anno: 48/318

A Roma il sole sorge alle 07:03 e tramonta alle 17:45 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:22 e tramonta alle 17:51 (ora solare)
Luna: 2.24 (lev.) 12.06 (tram.)

Proverbio del giorno:
Gennaio e febbraio, empie o vuota il granaio.

Aforisma del giorno:
Nelle cose grandi gli uomini si mostrano come conviene loro di mostrarsi; nelle piccole si mostrano come sono (Chamfort)

MONTI LATTARI E CASTELLAMMARE NEWS Castellammare – L’amore stabiese di Angela e Francesco commuove gli italiani.

Castellammare di Stabia e l’amore stabiese in prima serata trionfano a canale 5 grazie alla storia di Francesco ed Angela Procida. La campionessa italiana di nuoto, insieme al suo fidanzato, hanno partecipato al programma televisivo “C’è posta per te” di Maria De Filippi commuovendo, con la loro storia, pubblico e redazione del programma.

Francesco, il fidanzato di Angela, le ha fatto una sorpresa inviando a casa sua il postino della De Filippi. In trasmissione, poi, la giuria di “Tu si que vales”, il programma tanto amato da Angela. E così Sabrina Ferilli, Gerry Scotti, Rudy Zerbi e Teo Mammuccari hanno affiancato la coppia di fidanzati stabiesi in un momento toccante che ha fatto piangere tutti, compreso chi ha scritto questo pezzo mentre rivedeva la puntata.

Francesco ha iniziato a raccontare la storia d’amare con Angela. «Andai, insieme ad un mio amico, ad un appuntamento con due ragazze. Una di loro era Angela.  Io ero cicciottelo, mi sentivo goffo. E così mi misi in disparte su una panchina. Poi mi accorsi che Angela mi guardava e pensai: “cosa troverà in me questa ragazza così bella”.  Avevo 16 anni e da allora, da quel primo nostro incontro, sono innamorato di lei».

La storia di Angela è triste, e ne abbiamo raccontato anche altre volte. In un incidente stradale perde il padre e la sorella, mentre lei rimane costretta su una sedia a rotelle. Ma questo non la ferma nel suo percorso di crescita. La sua forza interiore la fa diventare campionessa italiana di nuoto con la partecipazione importane anche alle paraolimpiadi.

Francecso, tra le lacrime, prosegue il suo racconto che continua a commuovere tutti. «Angela non è un peso per me, mi ha insegnato a nuotare. Voglio vivere la mia vita con te, stare con te mi ha reso migliore.  Voglio essere per te l’elemento che ti rende libera, l’acqua. So che dentro di te c’è un dolore, che è quello della tua storia, di quell’incidente. Per me quella sedia non conta nulla, per me è come una macchina, uno strumento che non ci ha impedito di fare quello che ci piace. Sei speciale, sei una specie di miracolo. Tu mi dici: chi te lo fa fare? Spero che oggi tu capisca che io mi sento completo solo se ci sei tu nella mia vita. Sei la persona più bella ed importante che io potessi mai incontrare. Apparentemente può sembrare che tu abbia bisogno di me, ma è esattamente il contrario. Io ho bisogno di te, voglio diventare medico e voglio che tu diventi mia moglie, con due bambini».

Angela poi abbraccia la giuria di” tu si que vales”.  «Ci avete fatto piangere d’amore – ha detto Gerry Scotti – . La vostra storia è fantastica, siete un esempio bellissimo per i nostri figli».

La trasmissione ha quindi regalato a Francesco e Angela un viaggio a New York oltre ad una collanina con ciondoli che rappresentano – come ha spiegato la Ferilli che gliel’ha consegnata – la speranza, la fede, l’amore.

Quindi la conclusione con le parole di Francesco prima dell’abbraccio finale e l’apertura della busta. «Sei la mia vita, ti amo tanto, mi devi promettere che da oggi mi guarderai come ti guardo io, con i miei occhi, e non ti sentirai un peso per me, sei bellissima».

DI ANNA BELLITTO STABIACHANNEL

SEZ. VANGELO E METEO IL METEO DEL 17.02.2020 A CURA DI MIKI PAPPACODA

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995A CURA DI MIKI PAPPACODA Venti meridionali. Cielo a tratti coperto o localmente nebbioso al Nord, piogge sulla Liguria, deboli e a carattere sparso sul resto del Nord. Cielo coperto sull’alta Toscana, soleggiato altrove.

NORD

Piogge sparse al Nordovest, molte nubi sul resto delle regioni.
Temperature

Stazionarie.
CENTRO e SARDEGNA

Molto nuvoloso sulla Toscana, con isolata pioviggine soprattutto al mattino; sul resto delle regioni, bel tempo prevalente.
Temperature

Stazionarie.
SUD e SICILIA

Alta pressione prevalente, bel tempo.
Temperature

Stazionarie.

SPORT NEWS E SPORT LOCALE Lazio, ora lo scudetto non è più un sogno. Inzaghi: “ora sentiamo la pressione”

Inzaghi GiroudIl sogno scudetto per la Lazio è ancora vivo. Soprattutto dopo la vittoria di ieri sera contro l’Inter (2-1). Ora i biancocelesti di Simone Inzaghi non si nascondono più. Insieme a Juventus e alla stessa Inter, anche la Lazio può sognare la vittoria finale del campionato. Dopo la partita contro l’Inter, il tecnico dei biancocelesti, Simone Inzaghi, ha detto: “Oggi abbiamo fatto un’ottima partita contro una grandissima squadra che aveva perso una sola partita belle precedenti 23. Un’altra grande rimonta dopo quella con la Juve. Scudetto? Abbiamo un grandissimo ritmo, anche stasera hanno fatto una partita eccellente cercando di vincere. A fine primo tempo ho fatto i complimenti alla squadra dicendo che continuando così probabilmente avremmo ribaltato la partita”.

La Lazio sogna lo scudetto, le parole di Inzaghi
“La leggerezza mentale un vantaggio? Di sicuro è un fattore per noi – le parole di inzaghi – ma le partite iniziano ad essere pesanti, in riscaldamento oggi eravamo contratti, ho detto ai giocatori di stare tranquilli e di non pensarci”. La Lazio è la migliore difesa del campionato (“Lautaro e Lukaku creano problemi a tutti, i ragazzi sono stati bravissimi”) e può davvero sognare il tricolore, Inzaghi rivendica orgogliosamente i meriti del gruppo: “Abbiamo fatto quattro anni in crescendo, ora dobbiamo continuare così, cercando di restare lì in alto sapendo che il campionato ogni domenica crea grandissime insidie. Sono quattro anni che facciamo grandi cose, il rapporto tra di noi è bellissimo, quattro anni difficili, di lavoro e di trionfi: quattro anni di emozioni continue” ha detto il tecnico prima di passare alla valutazione dei singoli.

“Oggi sono stati tutti bravissimi”
“Oggi sono stati tutti bravissimi. I cambi? Sapevo che Lazzari e Correa sarebbero stati pronti, così come Cataldi, e lo hanno dimostrato. Caicedo o Correa? Io guardo tanto gli allenamenti, stasera per me era la partita di Caicedo, ho deciso senza dubbi. Correa è un top player, sta tornando al meglio, se lo vedrò al 100% a Genova partirà dall’inizio. Milinkovic? Penso che su di lui le aspettative siano sempre alte, quest’anno gli chiedo anche tanto sacrificio, mi dà sempre disponibilità, è un giocatore importantissimo per noi. Lucas Leiva? Giocatore incredibile, ma stasera bravi tutti. Ci mancava il capitano, ma questo gruppo è più forte di tutto e gioca un ottimo calcio”.
17 FEBBRAIO 2020 di Redazione Tuttocalcionews.it
FONTE: Sport Mediaset

CAVA DE TIRRENI VIETRI NOCERA NEWS Ospedale di Nocera Inferiore, uomo colpito da trombolisi salvato dai medici

ospedale-nocera-inferiore-uomo-trombosi-salvatoOspedale di Nocera Inferiore, uomo colpito da trombolisi salvato dai medici. Aveva il lato sinistro del corpo completamente bloccato.

Salvato un uomo a Nocera Inferiore

Un uomo colpito da trombolisi è stato salvato all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. L’uomo era giunto tramite eliambulanza, presentandosi con la parte sinistra del corpo completamente bloccata.

Come riporta “Telenuova”, a intervenire è stato il giovane Flavio Giordano, medico neurologo emodinamista. Il professionista ha infatti proceduto con una trombectomia meccanica che ha portato all’eliminazione dell’ostruzione. Successivamente si è proceduto con una sonda inserita attraverso la femora.

Poco alla volta, il paziente ha cominciato a recuperare le capacità motorie del lato sinistro. Insieme a Giordano hanno operato anche due infermieri, il neurologo Landi, la dottoressa Pepe ed il tecnico di radiologia Marco Ventra.

di Saverio Corda

FONTE: Telenuova

GIORNALINO ASSOCIAZIONE DIVERSABILI PENISOLA SORRENTINA DELLA DOTT. ROSA DE MARTINO Usano il pass disabili dei parenti defunti: multe da 400 euro a Salerno

usare-pass-disabili-parenti-defunti-salernoScoperti ad usare il pass disabili dei parenti defunti. Il comando della Polizia Municipale, tra dicembre e gennaio, ha spedito oltre 40 lettere di avviso-obbligo a presentarsi al comando a parenti di disabili deceduti per il ritiro dei contrassegni.

Usare pass disabili di parenti defunti, molti casi a Salerno

Negli ultimi giorni – come riportato da Il Mattino nell’articolo a firma di Gianluca Sollazzo – sono stati ritirati già 15 permessi di sosta intestati a persone invalide decedute. Nel giro di due settimane i caschi bianchi hanno rintracciato parenti di disabili deceduti intestatari dei permessi di sosta e circolazione.

Le sanzioni

Chi non risponderà alle lettere partite dal comando della Municipale rischia una sanzione pecuniaria di 389 euro.

17 FEBBRAIO 2020 di Paolo Siotto

FONTE: il mattino

SEZ. VANGELO E METEO IL VANGELO DEL 17.02.2020 A CURA DI MIKI PAPPACODA


A CURA DI MIKI PAPPACODA 81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995S. Teodoro Tirone Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 10,35-45. E gli si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete ciò che domandate. Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse: «Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e il battesimo che io ricevo anche voi lo riceverete. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». All’udire questo, gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: «Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

SALERNO E PROVINCIA NEWS Salerno, scomparso nel 1993 viene dichiarato morto dopo 27 anni

agropoli-truffa-banca-cilento-processoLa prima sezione civile del tribunale di Salerno fa luce sulla storia di Antonino Izzo, nato a Campagna nel 1962 e di cui non si hanno notizie da 27 anni.

La storia di Antonino Izzo

Come raccontato da Viviana De Vita sulle colonne de Il Mattino, dopo un lungo procedimento il tribunale di Salerno ha dichiarato la morte presunta su richiesta della moglie dell’uomo.  Quest’ultima, all’epoca dei fatti aveva 18 anni e aveva da poco partorito una bambina. Il marito si era allontanato da casa per incontrare uno sconosciuto ma di lui non si è saputo più nulla e il suo corpo non è mai stato ritrovato.

La procedura

Nel 2018 è cominciata la procedura per la richiesta di dichiarazione di morte presunta. Dopo sei mesi, il procedimenti è andato avanti con i carabinieri di Battipaglia che hanno confermato che dell’uomo non si è più saputo nulla.

17 FEBBRAIO 2020 di Mario Esposito

FONTE: Il Mattino

SANT’ANTIMO E NAPOLI NORD NEWS Costruzioni abusive e sicurezza sul lavoro: 2 cantieri “nei guai” a Sant’Antimo

Dopo i tre sequestri effettuati nei tre giorni precedenti continua in modo capillare il controllo del territorio da parte della Polizia Locale di Sant’Antimo diretta dal Comandante Colonnello Antonio Piricelli.  Avviate numerose attività di controllo e monitoraggio del territorio finalizzate a reprimere e contrastare vari reati,oltre al fenomeno della Terra dei fuochi e anche quello del “mattone selvaggio“.  delle ispezioni sui cantieri,gli Agenti della Polizia Locale hanno effettuato specifici controlli in diverse località tra le quali Via Vergara dove dagli accertamenti su un fondo di circa 1000 mq sono stati realizzati diversi manufatti circa cinque per
complessivi 250 mq circa di copertura. Dagli esiti dell’ispezione è scattato il sequestro di Polizia Giudiziaria, ed il titolare è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per violazione dell’art.44 del D.P.R. n.380 del 2001.

Per quanto concerne il secondo cantiere posto su Corso Europa direzione Asse Mediano si è constatato e contestato una serie di irregolarità alla ditta ed in particolare riferite agli operai presenti sul cantiere,i quali erano intenti a lavorare e nello svolgere la loro prestazione erano privi dei dispositivi di protezione individuali previsti dalla normativa vigente in materia pertanto è stata predisposta apposita segnalazione inoltrata al Dipartimento Sicurezza sul Lavoro dell’Asl Na2nord per quanto di competenza.

Il monitoraggio del territorio finalizzato a prevenire e reprimere gli abusi continua anche in altri settori.

SILVIO RUSSO INTERNAPOLI

CAMPANIA NEWS Incidente sulla Salerno – Napoli, scontro tra bus e 5 auto: traffico in tilt

incidente-diramazione-capodichino-morto-motociclistaBrutto incidente stradale sulla Salerno – Napoli, questa mattina. Per cause ancora in fase di accertamento, un autobus e 5 auto si sono scontrati. Traffico paralizzato.

Incidente sulla Salerno – Napoli

Il sinistro si è verificato all’altezza di Torre Annunziata e Torre del Greco. Non si conosce il bilancio dei feriti. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale.

NAPOLI E PROVINCIA NEWS Secondigliano, 17enne accoltellato alla pancia da una baby gang

moglie-figlia-abbandonate-area-servizio-napoliUn ragazzo di 17 anni è stato accoltellato alla pancia da alcuni coetanei nella tarda serata di ieri, 16 febbraio. L’aggressione è avvenuta a Secondigliano., ragazzo accoltellato alla pancia da una baby gang

Ad agire sarebbe stata una baby gang. Il giovane è stato trasportato in ospedale, non è in pericolo di vita ed è stato ricoverato in osservazione. La vittima è arrivata al Pronto Soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco intorno alla mezzanotte, accompagnata dai familiari. Sul posto si sono diretti gli agenti del commissariato Poggioreale della Polizia di Stato. 17 FEBBRAIO 2020 di Annalisa Barra

FONTE: Fanpage

CASERTA E PROVINCIA NEWS Piedimonte Matese, il sindaco ha scelto di rimanere in carica

piedimonte-matese-dimissioni-sindaco-facebook-caricaIl sindaco di Piedimonte Matese, Luigi Di Lorenzo, dopo aver annunciato le sue dimissioni con un post sulla sua pagina Facebook, ha scelto di rimanere in carica.

Il Sindaco di Piedimonte Matese rimane in carica
Fino a sabato sera la sfiducia parte di un gruppo di consiglieri di maggioranza sembrava quasi una certezza, invece nulla di fatto, il sindaco resta e apre al gruppo di maggioranza in consiglio comunale.

Il messaggio
Il messaggio è apparso sulla pagina Facebook dell’ex primo cittadino di Piedimonte Matese martedì sera: Luigi Di Lorenzo ha rinunciato alla carica di sindaco e ha spiegato le ragioni della sua decisione.

Una guerra intestina
L’ex sindaco ha fatto riferimento, più volte, alle recenti incomprensioni con il capogruppo della sua maggioranza, Gianluigi Santillo il quale, secondo Di Lorenzo, avrebbe iniziato una vera e propria crociata contro di lui.

Niente di ufficiale
In realtà il documento con la dichiarazione formale di dimissioni non è stato ancora protocollata, cosa che dovrebbe avvenire domani.

Troppi problemi da risolvere
I problemi da risolvere, per i quali le colpe sono state tutte riversate sul sindaco, rigurdano principalmente l’Ente, a cominciare dalla riscossione dei tributi e dalla raccolta dei rifiuti, fino all’ammodernamento della rete viaria e al recupero del centro storico.

17 FEBBRAIO 2020 di Emanuela Dente

FONTE: il mattino

AVELLINO E PROVINCIA NEWS Cadavere abbandonato in strada a Benevento: la vittima è un 85enne di Grottaminarda

baianocadavere-benevento-mario-castellano-grottaminardacadavere-appartamentoCadavere abbandonato in strada a Benevento: la vittima è un 85enne di Grottaminarda, Mario Castellano. Fermata la convivente di 64 anni.

Benevento, cadavere di un anziano di Grottaminarda abbandonato in strada: il nome

Il cadavere dell’uomo era stato notato da due giovani, sabato sera, poco prima della mezzanotte. Il corpo dell’85 enne era avvolto in una coperta sudicia ed era adagiato sulla panchina di fronte all’ospedale Rummo, in via Pacevecchia.

Fermata la convivente

I Carabinieri, poche ore dopo il ritrovamento del corpo hanno fermato la convivente dell’uomo, una donna di 64 anni, che ha ammesso di essere stata lei a portare il cadavere li, e che l’uomo era morto per un malore.

I video delle telecamere

La donna, secondo quanto avrebbe dichiarato, non voleva che si sapesse che la morte dell’85enne era avvenuta nella sua casa, e così aveva deciso di “scaricarlo” il prima possibile, per evitare ogni responsabilità. Ma le telecame di videosorveglianza della zona l’hanno invastrata.

L’autopsia

La Procura ha disposto l’autopsia, ma ad un primo esame esterno sembrerebbe che sul corpo non ci siano tracce di violenza e che non fosse autosufficiente. In base all’esito della perizia si deciderà se procedere, o meno, contro la donna.

17 FEBBRAIO 2020 di Emanuela Dente

FONTE: il mattino

BENEVENTO E PROVINCIA NEWS Incidente a Reino, 13enne si ribalta col quad: ricoverato in rianimazione

incidente-reino-quad-ricoverato-rianimazioneIncidente a Reino, un ragazzo di 13 anni, M.G, è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santobono dopo essersi ribaltato con il quad.

Incidente a Reino: 13enne si ribalta alla guida del suo quad

L’episodio si è verificato ieri, intorno alle 13, in contrada Bosco del Monte, pare che il ragazzino stesse percorrendo una strada rurale in salita e, alla vista dei Carabinieri, alla fine della strada, abbia azionato la marcia indietro, ribaltandosi. Il 13enne pare fosse senza casco.

La corsa in ospedale

Il giovane ha battuto la testa e perdeva sangue da un orecchio, immediato il trasporto all’ospedale Rummo di Benevento ma, data la gravità delle sue condizioni, è stato deciso il trasferimento, in eliambulanza, al Santobono di Napoli, dove si trova ricoverato in rianimazione.

17 FEBBRAIO 2020 di Emanuela Dente

FONTE: il mattino

CAMPANIA NEWS Napoli, si spoglia e si siede al centro della strada: traffico bloccato al Vomero per 50 centesimi

Scene di ordinaria disperazione, al Vomero, a Napoli. Un uomo, un rivenditore abusivo di calzini, non essendo riuscito a racimolare nulla durante la mattinata, intorno alle 16,30 è scoppiato. E prendendo alla lettera il detto napoletano «mo’ mi butto a terra», ha sparpagliato la sua merce, ha steso in terra il suo giubbotto sull’asfalto e si è spogliato al centro di via Merliani, cercando di bloccare il traffico, urlando in modo sconnesso, agitando una maglietta bianca, con la vistosa pancia da fuori.

Qualcuno ha fatto marcia indietro, una macchina di piccole dimensioni ha forzato il blocco quasi travolgendolo, qualcun altro è sceso dai mezzi per capire cosa voleva: 50 centesimi per non tornare a casa a mani vuote. E’ scattata una mini colletta tra gli automobilisti, ma davvero pochi spiccioli. Un ragazzo ha aiutato l’uomo a rivestirsi. Poi la circolazione è tornata normale, come il tran tran del Vomero. Non la disperazione dell’uomo in preda ad una rabbia inconsolabile.

IL MATTINO

COSTIERA AMALFITANA NEWS AMALFI SCOMPARE PREMATURAMENTE IL MARESCIALLO DEI CARABINIERI FRANCESCO PERRELLI

Dolore ad Amalfi per la prematura scomparsa del maresciallo maggiore dell’Arma dei Carabinieri Francesco Perrelli. Aveva 45 anni e prestava servizio al 10° Reggimento Carabinieri Campania di Napoli-Secondigliano, dopo un’importante esperienza in Calabria. È stato vinto dal terribile male che si era impossessato di lui, scoperto soltanto pochi mesi fa

COSTIERA AMALFITANA NEWS Evade dai domiciliari per farsi una bevuta. Arrestato dai Carabinieri

E’ stato arrestato durante la serata di ieri dai Carabinieri della Compagnia di Amalfi un uomo di Scala per il reato di evasione poiché già sottoposto agli arresti domiciliari.

L’uomo, infatti, nel pomeriggio di sabato si è allontanato da casa arbitrariamente e si è recato ad Amalfi per farsi una bevuta in mezzo alla gente, sperando di passare inosservato.

Tuttavia i Carabinieri, recatisi al suo domicilio per un normale controllo, hanno constatato la sua assenza m, ed immediatamente si sono messi alla ricerca del reo che, dopo qualche ora, mentre stava tornando a casa con un mezzo pubblico, è stato fermato e portato in caserma.

Per lui è scattato l’arresto ed è stato riportato al suo domicilio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria salernitana.

RAMONA VANACORE AMALFINOTIZIE

CAMPANIA NEWS Boscoreale, minaccia di uccidersi: ragazza salvata dai vigili urbani La giovane, sotto shock, voleva tagliarsi le vene

Agli uomini del 118 si è presentata già macchiata di sangue. Sulle gambe, sul viso e sulle braccia. A salvarle la vita sono stati due agenti della polizia municipale intervenuti sul posto, congiuntamente al comandante Vincenzo Aiello. Il capo dei vigili, con la sua esperienza e le sue capacità di dialogo, è riuscita a distrarla mentre diceva di volersi tagliare le vene, facendola parlare, sfogandosi.

Gli agenti hanno allertato il pronto intervento sanitario e nel frattempo hanno parlato a lungo con la ragazza, facendo sì che desistesse da insani propositi. Un sabato mattina che ha agitato non poco il quartiere di Madonna dei Flagelli, in periferia a Boscoreale, dove la ragazzina ha minacciato di tagliarsi le vene. A far scattare in lei la rabbia, trasformatasi poi in autolesionismo, forse una delusione d’amore, accentuata dalla festività di San Valentino. Quando il personale medico è intervenuto, ha dovuto curare solo delle escoriazioni che la ragazza si era procurata, poi l’ha affidata ai genitori, anche loro accorsi sul posto.

Un episodio che invita a riflettere sul lavoro del corpo di polizia municipale di Boscoreale, oggetto nelle ultime settimane di una battaglia politica. Intanto, dal miglioramento della viabilità alla presenza, da anni attesa, all’esterno delle scuole, sono arrivati grandi risultati nonostante l’organico esiguo. Adesso, un episodio per il quale gli agenti intervenuti meritano il ringraziamento dell’intera città, per aver fatto desistere una giovane da insani propositi in un momento di difficoltà. La speranza è che di questa brutta avventura, che ha visto anche noi de Il Corrierino trovarci casualmente sul posto, restino solo le macchie di sangue sul maglione bianco di una bravissima ragazza.

DI ALINA CESCOFRA IL CORRIERINO

SEZ. ECONOMIA Assicurazione auto. RC familiare al via Pro e contro della nuova norma

Assicurazione auto. RC familiare al viaINSERITO DA MICHELE PAPPACODA La nuova polizza Rc auto familiare, prevista dal decreto fiscale collegato alla manovra entrerà regolarmente in vigore al 16 febbraio.
Da lunedì, dunque, un automobilista con classe di merito 1, per esempio, potrà stipulare una polizza per una moto, acquistata nuova o usata, ottenendo la stessa classe dell’auto. E viceversa, ovviamente. Da notare che la norma riguarda anche i contratti in essere, non solo quelli futuri.
Al prossimo rinnovo dell’assicurazione, dunque, si potrà esercitare questo diritto, per esempio, un ragazzo, titolare di una polizza per una moto, potrà rinnovare la polizza ottenendo la classe di merito più bassa dei genitori.
C’è però una novità rispetto alla formulazione iniziale: nel caso in cui il veicolo, ad esempio, una moto, a cui è stata applicata la classe di una macchina, sia coinvolto in un incidente con colpa, il malus sarà più pesante: non due classi, come di solito accade, bensì fino a cinque, se l’indennizzo costerà all’assicurazione più di 5 mila euro.

Secondo l’Ania (l’associazione che rappresenta le compagnie di assicurazione) la norma potrebbe avere un impatto negativo sui prezzi soprattutto a danno degli automobilisti più virtuosi e delle famiglie appartenenti alle classi meno agiate che posseggono un solo veicolo.
Il rischio, secondo le assicurazioni, sarebbe quello di far salire i premi (in vista di minori entrate) e di interrompere così la riduzione in corso dal 2012.

DI GAETANO MATALUNI IL CORRIERINO

MONTI LATTARI E CASTELLAMMARE NEWS L’animalista Rizzi denuncia chi uccide il maiale: ‘Non siamo in Cina o in Africa, ma a Pimonte’ La reazione degli abitanti dei Lattari: ‘Ci ha offeso’

L'animalista Rizzi denuncia chi uccide il maiale: 'Non siamo in Cina o in Africa, ma a Pimonte'Non siamo in Cina. Neppure in Africa ma a Pimonte”. Esordisce così Enrico Rizzi paragonando Pimonte a due paesi stranieri e riuscendo a provocare la reazione in massa degli abitanti del piccolo paese dei Lattari. Un accostamento dai toni pesanti, che e’ stato giudicato razzista da molti cittadini dei Lattari, per denunciare il trasporto di un maiale ucciso su un mezzo privato. Pubblicando la foto su Fb il leader dell’associazione animalista commenta: “Siamo in Italia, precisamente a Pimonte (provincia di Napoli) e questa foto è stata scattata oggi. Va in giro con un povero maiale ‘scannato’ chissà dove, con l’assicurazione scaduta e con la revisione scaduta da oltre 4 anni”. Accanto alla foto anche un’altra immagine con la targa in evidenza del veicolo risultato senza assicurazione: “Lunedì mattina sarò dai Carabinieri a denunciare il responsabile”. Dopo il post nella giornata di ieri la pagina di Enrico Rizzi è stata sommersa da commenti di abitanti di Pimonte che difendono la tradizione dell’uccisione del maiale, che avviene anche in ambito familiare, per poi lavorare la carne. In difesa della battaglia animalista alcuni sostenitori di Rizzi hanno segnalato che il trasporto del maiale, in queste condizioni, non tutela la salute di chi lo mangia. I cittadini di Pimonte hanno comunque reagito in massa considerando il post offensivo nei confronti dell’intera comunità.

FONTE IL CORRIERINO

VELASCA VIMERCATE NEWS Usmate Velate: il Comune dice no alla discriminazione dei bambini in mensa, dialogo col gestore per chi non paga

L’azienda che ha in concessione il servizio di ristorazione scolastica a Usmate Velate aveva annunciato da lunedì 17 febbraio un pasto in bianco per i bambini delle famiglie morose. L’amministrazione comunale ha detto no, aperto dialogo per trovare soluzioni che non discriminino i bambini.

Usmate Velate: il Comune dice no alla discriminazione dei bambini in mensa, dialogo col gestore per  chi non pagaINSERITO DA MORENA MOTTA Azzerare le situazioni di morosità ma senza discriminare i bambini. È quanto ha chiesto l’amministrazione comunale di Usmate Velate all’azienda che ha in concessione il servizio di ristorazione scolastica e che da lunedì 17 febbraio aveva annunciato una modifica della modalità della distribuzione pasti nelle mense dell’Istituto Comprensivo Lina Mandelli. Un pasto in bianco per i bambini delle famiglie inadempienti: circa 25 sul migliaio che compone la popolazione scolastica usmatese dalla scuola dell’infanzia alle medie.

«Il nostro concetto di istruzione resta ispirato ai valori di uguaglianza, inclusione e parità sociale – ha sottolineato il sindaco Lisa Mandelli in una nota – Nei giorni scorsi abbiamo incontrato i responsabili di Camst chiedendo di attuare azioni che, pur col doveroso obiettivo di azzerare la morosità, non creassero discriminazioni fra i bambini: il contratto in essere, trattandosi non di un appalto ma di una concessione, impedisce al Comune di poter entrare nel merito della scelta assunta».

Ma il Comune ha preso comunque una posizione: «Fermo restando che non è tollerabile il mancato pagamento di un servizio scolastico – ha detto ancora Mandelli – Riteniamo che la scelta di far ricadere questa responsabilità sui bambini non sia l’unica soluzione possibile per dare il via all’iter di recupero dei debiti relativi ai pasti delle mense scolastiche. Il legittimo problema del dovuto pagamento del servizio mensa non può tradursi in una discriminazione degli alunni col rischio che un momento di socializzazione quale è la mensa si traduca in un ambiente frammentato, con ripercussioni psicologiche pericolose per le nostre giovani generazioni».

L’amministrazione comunale di Usmate Velate, come già avvenuto nelle settimane passate, proseguirà nel dialogo con Camst per individuare soluzioni condivise anche in merito alla tariffazione della mensa, che attualmente prevede un servizio prepagato a scalare.

A partire dal prossimo anno scolastico l’iscrizione al servizio di mensa scolastica sarà resa obbligatoria e non potrà essere effettuata dalle famiglie non in regola con i pagamenti pregressi. Ed è previsto l’ampliamento degli interventi a favore delle famiglie meno abbienti, reintroducendo la gratuità dei pasti per coloro che hanno un reddito Isee inferiore ai 6mila euro.

«La misura adottata da Camst coinvolgerà, sul totale della popolazione scolastica usmatevelatese, circa 25 alunni, mentre altre 20 famiglie morose sono ormai uscite dal ciclo scolastico – conclude il Comune – È giusto iniziare a ripristinare una condizione di equità e legalità, per rispetto dei genitori che hanno sempre pagato. Non è giusto farlo a scapito dei bambini che si ritrovano a pagare colpe non loro».

Anche il gestore del servizio auspica una soluzione per sanare la situazione di debito a tutela del proprio lavoro e dei lavoratori.

FONTE IL CITTADINOMB

SEZ. VARIE NEWS 16 febbraio 1963 (57 anni fa) nasceva Claudio Amendola

di Morena Motta Claudio Amendola: Romano “de Roma”, l’anima capitolina, unitamente alla vigoria fisica, è il punto di forza della sua cifra recitativa.

Figlio d’arte, suo padre è il grande Ferruccio Amendola (storico doppiatore di Robert De Niro, Dustin Hoffman e Al Pacino), inizia negli anni Ottanta con commedie leggere, passando a ruoli drammatici. Mostra di trovarsi a proprio agio nei panni del ragazzo difficile, scontroso e ribelle, in “Soldati – 365 all’alba” (1987) e Mery per sempre (1989), entrambi di Marco Risi.

Un filone chiuso da Un’altra vita di Mazzacurati, che nel 1993 regala ad Amendola il David di Donatello come “migliore attore non protagonista”. Recita in numerose pellicole “in divisa”, tra cui “La scorta” (1993) e “Poliziotti” (1995).

Col tempo la commedia diventa il suo genere preferito, a partire da “I mitici – Colpo gobbo a Milano” di Carlo Vanzina, trovando infine la dimensione ideale nella fiction I Cesaroni (2006-2014). Conduttore sia in RAI (con “Amore mio, diciamo così” nel 2003) che in Mediaset (“Scherzi a parte” nel 2007 e “Le iene” nel 2012), è sposato con l’attrice Francesca Neri.

Nel 2014 debutta dietro la cinepresa con la commedia “La mossa del pinguino”, candidata a tre Nastri d’argento. Premio, quest’ultimo, che si aggiudica l’anno seguente come “miglior attore non protagonista” del film Noi e la Giulia.

ALMANACCO DEL GIORNO ALMANACCO DEL 16.02.2020 A CURA DI MICHELE PAPPACODA

A CURA DI MICHELE PAPPACODA

Santi del Giorno
Santa Giuliana di Nicomedia (Vergine e Martire)
San Maruta (Vescovo)
San Panfilo e Compagni (Martiri di Cesarea di Palestina)
Santi Elia, Geremia, Isaia, Samuele e Daniele e Compagni (Martiri)

Santa Giuliana di Nicomedia è la protettrice delle partorienti.

Accadde Oggi
1959 – Fidel Castro, primo ministro di Cuba (61 anni fa): Mentre il mondo si presentava sempre più diviso dalla “logica dei due blocchi”, in una lingua di terra tra l’oceano Atlantico e il mar dei Caraibi iniziava la parabola del leader…
Nati in questo giorno
1963 – Claudio Amendola (57 anni fa): Romano “de Roma”, l’anima capitolina, unitamente alla vigoria fisica, è il punto di forza della sua cifra recitativa. Figlio d’arte, suo padre è il grande Ferruccio Amendola…
1926 – John Schlesinger (94 anni fa): Regista britannico tra i più quotati ad Hollywood nel decennio ’60-’70, si distinse per la raffinata sensibilità narrativa. Nato a Londra e morto a Palm Springs, in California, nel…
Nati… sportivi
1979 – Valentino Rossi (41 anni fa): Nato a Urbino (Marche), è un pilota motociclistico. Vince nove titoli mondiali, il primo a 18 anni, in quattro classi differenti: uno nella classe 125, uno nella 250, uno nella 500 e sei nella…
1959 – John McEnroe (61 anni fa): Nato a Wiesbaden (Germania), è stato un grande campione statunitense di tennis degli anni Ottanta, poi allenatore di tennis e commentatore televisivo. John Patrick McEnroe Jr, questo il suo…
1970 – Angelo Peruzzi (50 anni fa): Nato a Blera (in provincia di Viterbo), è un allenatore di calcio ed ex portiere. Ha difeso la porta di Roma, Juventus, Inter e Lazio, dove ha concluso la sua carriera nella stagione 2006/07. …
I Doodle di Google
Atto d’indipendenza della Lituania: La legge fondamentale della Lituania venne adottata verso la fine della Prima guerra mondiale, quando fu raggiunta l’indipendenza dall’Impero tedesco. Mentre le sorti del conflitto volgevano…
Angolo Lettura
2014 – Una donna (6 anni fa): Consigliamo questa settimana la lettura di “Una donna”, romanzo autobiografico di Sibilla Aleramo, pseudonimo di Rina Faccio, pubblicato nel 1906. Una specie di diario introspettivo in cui…
Scomparsi oggi
1907 – Giosuè Carducci (113 anni fa): Nato a Valdicastello, frazione di Pietrasanta (in provincia di Lucca), Giosuè Alessandro Giuseppe Carducci è uno dei padri della letteratura italiana moderna, primo scrittore italiano ad ottenere…

SEZ. VANGELO E METEO VANGELO DEL 16.02.2020 A CURA DI MICHELE PAPPACODA

B. Giuseppe AllamanoA CURA DI MICHELE PAPPACODA B. Giuseppe Allamano sacerdote e fondatore (1851-1926) B. Mariano Arciero sac. “La biblioteca di Dio” (1707-1788)
B. Mariano ArcieroDal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,17-37.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento.
In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli. »
Poiché io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio.
Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna.
Se dunque presenti la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te,
lascia lì il tuo dono davanti all’altare e và prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono.
Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione.
In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all’ultimo spicciolo! »
Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio;
ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha gia commesso adulterio con lei nel suo cuore.
Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna.
E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.
Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto di ripudio;
ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all’adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».
Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti;
ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio;
né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re.
Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello.
Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno».

SEZ. VANGELO E METEO METEO DEL 16.02.2020 A CURA DI MICHELE PAPPACODA

A CURA DI MICHELE PAPPACODA

cartina cartina
cartina approfondimento
cartina approfondimento
Valle d'Aosta Lombardia Piemonte Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Basilicata Puglia Calabria Sicilia Sardegna Valle d'Aosta Lombardia Piemonte Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Basilicata Puglia Calabria Sicilia Sardegna

E’ sempre alta pressione. Nebbie in Pianura Padana, sole prevalente un po’ ovunque. Nel corso del giorno si copre in Liguria e sull’alta Toscana con isolati piovaschi.

 

NORD

Nebbie in pianura, dal pomeriggio si copre su Liguria, Emilia occidentale, basso Piemonte e pavese, ma con scarse precipitazioni.Temperature

Senza variazioni.CENTRO e SARDEGNA

Cielo sereno o poco nuvoloso.Temperature

Senza particolari variazioni.SUD e SICILIA

Bel tempo prevalente.Temperature

Stazionarie.

CONCORDIA SULLA SECCHIA E MODENA NEWS NEBBIA A CONCORDIA E NELLA BASSA

di Barbara Pappacoda La nostra collaboratrice Barbara Pappacoda responsabile della sezione Concordia sulla Secchia e Modena News ci segnala che la Bassa e coperta da una coltre di nebbia fitta e raccomanda a chi è in viaggio di prestare massima attenzione. Secondo gli esperti oggi al nord avremo Nebbie in pianura, dal pomeriggio si copre su Liguria, Emilia occidentale, basso Piemonte e pavese, ma con scarse precipitazioni. Le foto allegate riguardano la zona di Concorda sulla Secchia.

NEWS ITALIA E DAL MONDO Mamma record: ha 22 figli. In Italia…

INSERITO DA MORENA MOTTA E’ un piccolo paese del Biellese orientale quello di Gifflenga, raramente fa parlare di sè. Vissuto da brava gente, molti agricoltori, persone semplici.

A poche centinaia di metri dalla chiesetta lungo un rettilineo a sinistra si intravede una bella casa grigia quella della famiglia Piscopo. Una famiglia come tante, ma con molte cose da raccontare. Anna Caruso, 82 anni vedova da tre di Rocco Piscopo è  una donnina gracile, tenera e simpatica con l’aspetto tutto al contrario di quello che si potrebbe definire matriarcale, eppure, è stata alla ribalta della cronaca nazionale per più volte, la cronaca bella, quella che fa emozionare tutti: Anna nel decorso della sua vita ha messo al mondo ben 22 figli su 25 parti.

Attualmente quelli viventi sono 16. Domenica scorsa li ha voluti tutti accanto a se, sia figli,  nipoti e pro nipoti. Un vero e proprio esercito di brava gente.  Una festa trascorsa tra musica e ricordi del passato ed una torta con su scritto: “Ad una mamma speciale”.

«Ho avuto la mia prima figlia Raffaella all’età di 18 anni – spiega Anna -, mentre l’ultimo, Giovanni, l’ho partorito quando di anni ne avevo 48».
Alla domanda: signora, che consiglio da ai giovani d’oggi?  il lavoro scarseggia, la crisi si fa sentire, quindi mettere al mondo tanti figli diventa difficoltoso. Lei ha risposto ironicamente, ma forse non del tutto: «Si ha ragione, direi che 10 o 12 potrebbero andar bene».

Naturalmente, condurre una vita con 22 figli, non è semplice stare lontani dalle attenzioni e dai riflettori. Anna e Rocco sono stai invitati alcune volte nei salotti televisivi. Nel 1990 hanno raccontato la loro bella storia  al Maurizio Costanzo show, poi a Uno Mattina. Rocco, aveva dato vita ad una squadra di calcio, dove la formazione era naturalmente  composta dai suoi  figli. A rendere  pubblica la notizia fu il giornalista Maurizio Mosca durante la trasmissione televisiva “Calciomania”.

«Mio marito faceva l’autista di camion – conclude Anna – è stato un marito favoloso. Mi manca tanto».
Ma la voglia di far conoscere la sua storia non le manca. Domenica, sussurrando nell’orecchio di sua nipote Gabriella (volto noto nel settore della moda e abbigliamento) le ha fatto una richiesta: «Fammi abbracciare Barbara D’Urso».
Come dire no, davanti tanta tenerezza?

FONTE https://bresciasettegiorni.it/attualita/mamma-record-ha-22-figli-in-italia/

NEWS ITALIA E DAL MONDO Brescia Papà Franco, mamma Jole e dodici figli Che salti mortali per quadrare i conti

INSERITO DA MORENA MOTTA Brescia,  – «Riunirci tutti insieme per una foto? E’ molto complicato, sa com’è, è difficile riuscire a conciliare gli orari di tutti». Quando si ha una famiglia con 12 figli, anche fare una foto tutti insieme diventa un’impresa. Lo sanno bene Franco e Jole Sangiorgi, bresciani, sposati da 32 anni. Oggi abitano a Collebeato (a Brescia l’affitto era diventato troppo caro) con i loro 12 figli, da Matteo, 29 anni, a Pietro, 6 anni e mezzo. Un record che Franco e Jole condividono nel B resciano niente di meno che con un altro Sangiorgi: Maurizio, fratello, di Franco, che ha a sua volta 12 figli.
«Quando mi sono sposata – ricorda Jole – non avrei mai immaginato di avere così tanti figli, ma abbiamo scelto di accettare tutti quelli che sarebbero arrivati». Certo, per far quadrare i conti, bisogna avere la calcolatrice sempre in mano e un’immensa fiducia nella Provvidenza.

per gestire una famiglia così numerosa, Jole ha deciso di fare la mamma a tempo pieno, contando sullo stipendio di Franco, che con il suo lavoro porta a casa circa 3000 euro al mese, di cui 1.500 vanno via per affitto e bollette. Con il resto, bisogna arrangiarsi per mangiare («faccio la spesa giorno per giorno, cercando le offerte – spiega Jole – ma 6 o 7 euro volano solo per il pane»), pagare gli studi dei ragazzi (70euro al mese costa solo l’abbonamento al bus per i 2 che vanno alle superiori), affrontare gli imprevisti. «Una famiglia come la nostra va spesso in rosso – spiega Jole – con la crisi, abbiamo avvertito soprattutto l’aumento delle bollette». Certo, un aiuto dalle istituzioni arriva, ma riesce appena a dare un po’ di sollievo: il bonus gas, ad esempio, che arriva una tantum è di 40 euro, ma poco fa contro bollette di 500 o 600 euro da pagare ogni 2 mesi. Le banche, poi, negli ultimi anni hanno chiuso i rubinetti e non concedono più prestiti. «L’ultima volta che ne abbiamo chiesto uno – sorride Jole – ce lo hanno negato, dicendoci che, facendo così, ci insegnavano a risparmiare. Siamo al paradosso: loro vengono a insegnare a me a risparmiare!» Ai suoi ragazzi, Jole ha dovuto infatti dire tanti no, perché anche il cinema o la pizza con gli amici possono pesare sul bilancio (se in pizzeria ci vanno tutti e 12, il conto diventa davvero salato). «Però ai miei figli non manca niente – sottolinea Jole – a volte soffriamo più noi genitori a dire di no sulle piccole cose. La cosa più importante è l’affetto di una famiglia: tante coppie oggi si separano, anche per colpa della crisi che inasprisce le difficoltà. Noi, grazie anche alla fede, siamo uniti e sereni».Ogni tanto, poi, la Provvidenza non manca di aiutare i Sangiorgi a togliersi qualche piccolo sfizio, come quando, d’estate, sono stati spesso invitati da amici o conoscenti, a passare le vacanze al mare. «Certo, capita di passare qualche notte in bianco – conclude Jole – per le preoccupazioni. Ma non perdiamo mai la fede, che ci aiuta a superare tutto. So che oggi la crisi spaventa le giovani coppie, che magari rinunciano ad avere un figlio per paura di non poterlo mantenere: un figlio non manda in rovina nessuno».

di Federica Pacella IL GIORNO

CARPI NEWS Malattia rara, l’intuizione di un medico di Reggio salva una bimba di 10 anni Il dottor Carlo Fusco è riuscito a capire e scoprire la mutazione del gene

Il dottor Carlo Fusco direttore della Struttura complessa di Neuropsichiatria infantileINSERITO DA BARBARA PAPPACODA Reggio Emilia, 15 febbraio 2020 – Una malattia rara pediatrica che, dopo anni di inutili tentativi, ha trovato soluzione all’ospedale di Reggio Emilia per intuizione di Carlo Fusco, direttore della Struttura complessa di Neuropsichiatria infantile al Santa Maria Nuova.

Giulia, una bambina di Parma che ora ha 10 anni presentava problematiche gravi fin dalla nascita. Difficoltà che, durante la crescita, non le hanno permesso di camminare, parlare o interagire con le altre persone, anche a causa di crisi discinetiche dolorose, fino a 20 o 30 al giorno. Già curata al Besta, al Gaslini e agli ospedali di Parma e Bologna, Giulia è arrivata nell’ottobre 2018 a Reggio, dove Fusco decise di modificare la terapia somministrandole carbamazepina, un farmaco utilizzato da solo o in combinazione con altri farmaci per tenere sotto controllo alcuni tipi di convulsioni associate all’epilessia. Da quando lo assume, Giulia non ha più avuto crisi e ha ripreso una vita quasi normale.

Nel frattempo il dottor Fusco richiese il sequenziamento dell’esoma, per indagare l’eventuale mutazione del gene RHOBT2, che venne confermato. “Nel mondo sono una decina i pazienti a cui è stata diagnosticata questa malattia rara”, spiega. “Abbiamo mandato il campione in Finlandia che, tra i paesi che lo esegue, è quello che riteniamo più efficiente come costi e come qualità del lavoro. I risultati hanno confermato la mutazione del gene.

di ALESSANDRA FERRETTI IL RESTO DEL CARLINO

VELASCA VIMERCATE NEWS Concorezzo: approvato il regolamento per fermare l’evasione dei tributi locali Novità per le attività commerciali e produttive del territorio.

INSERITO DA MORENA MOTTA E’ stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Concorezzo nel corso della seduta dello scorso 13 febbraio 2020, il regolamento disciplinante le misure preventive per sostenere il contrasto all’evasione dei tributi locali. Il documento è rivolto alle attività commerciali e produttive del territorio e prevede una regolamentazione precisa del recupero dei crediti nei confronti dell’amministrazione comunale.

Approvato il regolamento per fermare l’evasione dei tributi locali

Nello specifico in base al nuovo regolamento, ai soggetti che esercitano attività commerciali o produttive, che si trovano in posizione di irregolarità nell’ambito anche dei tributi locali, non è consentito il rilascio di licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi.

Nel caso in cui invece, la situazione di morosità sia successiva al rilascio delle autorizzazioni, l’ufficio competente notifica all’interessato la comunicazione di avvio del procedimento di sospensione dell’attività e il termine per la regolarizzazione.

Cosa succede se scadono i termini

Decorso senza esito tale termine nei 15 giorni successivi viene emesso il provvedimento di sospensione dell’attività. Qualora gli interessati non regolarizzino la loro posizione entro questo periodo le autorizzazione per l’attività vengono revocate.

“Concorezzo è tra i primi Comuni ad adottare questo genere di regolamento per il quale gli uffici sono al lavoro da diversi mesi – ha spiegato l’assessore al Bilancio Riccardo Mazzieri-. Si tratta di una misura democratica utile ed efficace, in grado di aiutare l’ente pubblico nel recupero dei crediti stimolando al contempo una collaborazione con le aziende coinvolte. Grazie a questo nuovo regolamento si avrà infatti anche la possibilità di riattivare quei rapporti con le aziende locali che hanno una situazione ancora da sanare prevedendo, all’occorrenza, anche una procedura di rateizzazione del mancato pagamento”.

La legge

Il regolamento adottato dal Comune di Concorezzo è, di fatto, un’attuazione di una norma statale dello scorso giugno, introdotta con la legge di conversione al Decreto Crescita n. 34/2019, che consente ai comuni di condizionare il rilascio, il rinnovo e la permanenza di licenze e di autorizzazioni ai soggetti esercenti attività commerciali o produttive alla verifica (e alla regolarizzazione) del corretto versamento dei tributi locali.

IL GIORNALE DI MONZA