SPORT NEWS E SPORT LOCALE Calcio Monza, i biancorossi pronti a riabbracciare i ‘congiunti’ in serie B

INSERITO DA MORENA MOTTA I fratelli Nicola e Luca Rigoni, centrocampisti di Monza e Vicenza, sono diretti interessati. Anastasio con il cugino Tutino.

Non sarà un decreto del governo, ma una decisione della politica del calcio a permettere ad alcuni giocatori del Monza di riabbracciare (sul campo e da avversari) i propri parenti nella prossima Serie B. Il Consiglio Federale valuterà, infatti, settimana prossima, la proposta della Lega Pro di promuovere le tre capolista di Serie C al momento dello stop (Monza, Vicenza e Reggina). Una decisione che sta attendendo con ansia la famiglia Rigoni: i fratelli Nicola e Luca, rispettivamente centrocampisti di Monza e Vicenza, sono diretti interessati e non perdono occasione per confrontarsi quotidianamente per capire come e quando il calcio ripartirà.

Dopo essersi già affrontati da avversari nel 2016, con vittoria del Chievo di Nicola sul Genoa di Luca, l’anno prossimo sognano di ritrovarsi in una Serie B che sia Monza che Vicenza affronteranno con grandi ambizioni. Ma anche Armando Anastasio non vede l’ora di incrociarsi sul rettangolo verde con il cugino di primo grado Gennaro Tutino: i due sono cresciuti insieme, la mamma di Armando è la sorella del papà di Gennaro. Entrambi, tra una partita e l’altra di playstation, sono diventati calciatori nelle giovanili del Napoli. L’anno prossimo in B potrebbero essere avversari: Tutino a gennaio è passato all’ Empoli, dopo aver iniziato la stagione a Verona, mentre Anastasio ha fatto innamorare di sé il Brianteo con il suo mancino.

E poi c’è Tommaso Morosini, giunto a Monza nel mercato invernale, che sogna la sfida in famiglia con il fratello Leonardo, fantasista dell’Ascoli: i due sono uniti dalla passione per il calcio e soprattutto dall’amore per la musica trasmesso dal padre che da giovane faceva il deejay. Ma Tommaso Morosini, sempre restando in tema di ricongiungimenti, aspetta con ansia anche di riabbracciare la sua fidanzata. “La mia esultanza con la mano a fare il segno della L è dedicata alla mia ragazza Laura, che sta a Parigi e che non vedo da quattro mesi. Spero quindi di rivederla e di poter tornare a dedicarle presto qualche gol. – ha sottolineato il centrocampista biancorosso ai canali social del club – La mia esperienza al Monza? Purtroppo lo stop del campionato non mi ha dato molto tempo per indossare la maglia biancorossa, ma sicuramente fino a qui la mia esperienza in Brianza è stata positiva. Ho trovato un gruppo bellissimo, un ambiente competitivo e una cornice di pubblico importante: sogno di potermi togliere grandi soddisfazioni con questa maglia anche l’anno prossimo. Speriamo in una categoria diversa”.

di MATTEO DELBUE IL GIORNO

Morena Motta

Giornalista pubblicista esperta in designe e particolarmente molto preparata per impostare il cartaceo di questo giornale sono entrata nell'informazine col Giornale Vettica di Amalfi Online dal dicembre 2014.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: