PRIMO PIANO E ANTEPRIMA Il Piave mormorò. L’Italia entra in guerra – 24 maggio 1915

DI MORENA MOTTA La Grande Guerra era già cominciata da circa dieci mesi, l’Italia, che fino a quel momento era in bilico fra la neutralità e la volontà di schierarsi, il 23 maggio dichiara guerra all’Impero Austro-Ungarico. Nonostante l’opinione contraria della maggioranza della Camera (e della nazione stessa) che sceglieva la neutralità del Paese, il presidente del Consiglio Salandra, unitamente a Sonnino e re Vittorio Emanuele III, firma il trattato di Londra, un accordo che, in cambio di alleanza con Francia, Inghilterra e Russia, cedeva Trentino, Venezia-Giulia, Istria e Dalmazia all’Italia.

Fu così che, come racconta la stessa canzone, il 24 maggio 1915, sulle sponde del Piave l’Italia entra ufficialmente in guerra. Un conflitto che costò 700 mila morti, un dispendio di forze e di uomini che, durante questo periodo, conobbero il sacrificio delle trincee, e dal quale la stessa nazione ne uscì indebolita socialmente, politicamente ed economicamente.

Morena Motta

Giornalista pubblicista esperta in designe e particolarmente molto preparata per impostare il cartaceo di questo giornale sono entrata nell'informazine col Giornale Vettica di Amalfi Online dal dicembre 2014.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: