SANT’ANTIMO E NAPOLI NORD NEWS “Ti sfiguro con l’acido e ti butto giù”, incubo finito per una donna di Giugliano grazie ai carabinieri

donna-violenza-1024x677

81978709_811531822647043_8094461190433931264_n-7-e1580200891995“Ti sfiguro con l’acido e ti butto giù”, incubo finito per una donna di Giugliano . Violenze di ogni tipo, tentativi di scaraventarla dal quarto piano e anche la minaccia di sfigurarla con l’acido. Un uomo di 41 anni accusato di atti persecutori nei confronti della ex compagna arrestato dai carabinieri di Giugliano, in esecuzione ad un provvedimento di misura cautelare richiesto dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord. Le violenze, secondo gli inquirenti, sono iniziate nel giugno 2019, durante la loro relazione sentimentale e anche dopo la fine del loro rapporto. “Ti sfiguro con l’acido e ti butto giù”, le minacce Alla donna, è emerso, era impedito di uscire da sola, di lavorare, di frequentare amici. Spesso finiva vittima di ingiurie e minacce, anche di morte, o di essere sfigurata con l’acido. La donna sarebbe stata aggredita con schiaffi e pugni e, in una occasione, addirittura spinta con la schiena fuori dalla balaustra del balcone al quarto piano, sotto la minaccia di essere scaraventata di sotto. L’uomo è stato rintracciato e chiuso nel carcere di Napoli Poggioreale.  Il dramma della donna I carabinieri della Stazione di Giugliano hanno arrestato il 41enne, resosi responsabile del reato di atti persecutori nei confronti della ex compagna. L’uomo è accusato di aver posto in essere, sin dal mese di giugno 2019, una serie di condotte violente nei confronti della donna. Violenze iniziate durante la loro relazione sentimentale, erano continuate anche dopo l’interruzione del rapporto. In particolare alla vittima era impedito di uscire da sola, di trovarsi una attività lavorativa o di frequentare le proprie amicizie. Frequenti erano le espressioni ingiuriose e le minacce, anche di morte, o di essere sfigurata con l’acido. In alcune circostanze la donna era aggredita anche fisicamente, con schiaffi e pugni. “Ti sfiguro con l’acido e ti butto giù”, questa una delle minacce. E in una occasione, spinta con la schiena all’infuori della balaustra del balcone del suo appartamento sito al quarto piano, sotto la minaccia di essere scaraventata di sotto. L’uomo, che in un primo momento si era reso irreperibile, è finito nel carcere di Poggioreale.

INTERNAPOLI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Miki Pappacoda

Giornalista pubblicista blogger lavoro nel campo dell'informazione dal 2010 iniziando con Positanonews e con il mio giornale Vettica di Amalfi Online

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: